Corso MIUR “Progettazione e gestione di progetti di mobilità transnazionale”: la fine di un inizio…

Si è appena concluso il corso riconosciuto dal MIUR “Progettazione e gestione di progetti di mobilità transnazionale”, che ha visto la partecipazione di diversi docenti provenienti da diversi Scuole...

Si è appena concluso il corso riconosciuto dal MIUR “Progettazione e gestione di progetti di mobilità transnazionale”, che ha visto la partecipazione di diversi docenti provenienti da diversi Scuole Secondarie di Secondo Grado della Basilicata.

Devo dire che nonostante il periodo “caldo” dovuto a scrutini, consigli di classe, fine delle lezioni, preparazione per gli esami… i docenti si sono rivelati “allievi” attenti, entusiasti e curiosi.

E anche per me formatore è stato davvero entusiasmante presentare strumenti e metodologie di progettazione di percorsi di formazione in mobilità, stimolarli verso una nuova forma di progettualità che coinvolga attivamente gli studenti e il territorio sempre più connesso alle attività della scuola.

La scuola ha bisogno di docenti motivati, capaci di condividere la passione per l’insegnamento e trasmettere la conoscenza: nel nostro piccolo, io e i miei colleghi abbiamo cercato di stimolarli, a suggerire un nuovo approccio alla formazione in mobilità.

E a testimoniare l’esito del corso, ecco una breve intervista rilasciata da Serafina Rotondaro, Dirigente scolastico dell’Istituto di Istruzione Superiore “G. Peano” di Marsico Nuovo:

Categories
Learning by movingNews_Italiano

Laureata all’IUO in Scienze Politiche – Relazioni Internazionali, ha una grande passione per i viaggi, la conoscenza di nuove culture e “way of life”, lettura di romanzi, narrative, saggi. Ama stare con i suoi amici, con la sua famiglia e soprattutto con le sue splendide figlie. Nella sezione “Skills, Training and Projects” si occupa di progettazione europea e consigli per accrescere le competenze per una scuola competitiva e innovative.

2 Comments on this post.
  • ANTONIO CORBO
    13 June 2018 at 3:36 pm
    Leave a Reply

    Eentusiasmante CONOSCERE strumenti e metodologie di progettazione di percorsi di formazione in mobilità, stimoli verso una nuova forma di progettualità che coinvolga attivamente gli studenti e il territorio sempre più connesso alle attività della scuola.
    GRAZIE DOTT. ANTONIO CORBO

  • ANTONIO CORBO
    13 June 2018 at 3:44 pm
    Leave a Reply

    La scuola ha bisogno di docenti motivati, capaci di condividere la passione per l’insegnamento e trasmettere la conoscenza: per un nuovo approccio alla formazione in mobilità. Grazie ETN, grazie al suo Presidente DONATO LUCIANO MARINO ALLA ECCELLENTE FORMATRICE MARIA PINA TRIUNFO E ALL’OTTIMO DAVIDE GALASSO …..L’ALLIEVO …DOTT. ANTONIO CORBO.

  • Leave a Reply

    *

    *

    RELATED BY