Amministrazione digitale: le innovazioni introdotte per favorire la modernizzazione

In questi anni uno dei temi che ha dominato il dibattito politico italiano e non solo è stato sicuramente quello della crescita economica, quale principale obiettivo delle politiche pubbliche...

In questi anni uno dei temi che ha dominato il dibattito politico italiano e non solo è stato sicuramente quello della crescita economica, quale principale obiettivo delle politiche pubbliche e delle strategie politiche. Naturalmente i risultati dipendono da numerose variabili e devono essere coordinati a livello europeo nel rispetto di obiettivi e norme che sono stati decisi con gli altri Paesi europei.

Uno dei più importanti elementi che incidono sul fattore crescita economica è quello della modernizzazione e digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. Un primo passo è stato quello di istituire il Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) nel 2005, che costituisce un insieme di disposizioni sull’uso dell’informatica come strumento privilegiato nei rapporti tra la Pubblica Amministrazione italiana e i cittadini italiani. Esso è “un testo unico che riunisce e organizza le norme riguardanti l’informatizzazione della Pubblica Amministrazione nei rapporti con i cittadini e le imprese. Istituito con il Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, è stato successivamente modificato e integrato prima con il Decreto legislativo 22 agosto 2016 n. 179 e poi con il Decreto legislativo 13 dicembre 2017 n. 217 per promuovere e rendere effettivi i diritti di cittadinanza digitale.” (www.agid.gov.it)

Un altro passo in questa direzione è stato la creazione dell’AGID, di cui abbiamo già parlato in un precedente articolo sul tema, che è un’ente dedicato alla digitalizzazione e all’innovazione tecnologica della pubblica amministrazione italiana.

Grazie all’AGID e al CAD con le sue integrazioni e aggiornamenti, sono entrati in vigore alcuni cambiamenti innovativi molto importanti in questo settore: parliamo dello SPID, di pagoPA e della app IO.

Lo SPID, ossia il Sistema Pubblico di Identità Digitale, “permette ai cittadini di accedere ai servizi online delle Pubbliche Amministrazioni e dei soggetti privati con un’unica Identità Digitale. SPID è il Sistema Pubblico di Identità Digitale che garantisce a tutti i cittadini e le imprese un accesso unico, sicuro e protetto ai servizi digitali della Pubblica Amministrazione e dei soggetti privati aderenti.” (www.agid.gov.it)

Inoltre dal settembre 2019 l’identità digitale SPID può essere usata per l’accesso ai servizi in rete di tutte le pubbliche amministrazioni dell’Unione. Questo diritto è stato introdotto dal regolamento eIDAS, ossia “Electronic Identification Authentication and Signature – Regolamento UE n° 910/2014 sull’identità digitale – che ha l’obiettivo di fornire una base normativa a livello comunitario per i servizi fiduciari e i mezzi di identificazione elettronica degli stati membri. Il regolamento eIDAS fornisce una base normativa comune per interazioni elettroniche sicure fra cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni e incrementa la sicurezza e l’efficacia dei servizi elettronici e delle transazioni di e-business e commercio elettronico nell’Unione Europea.” (www.agid.gov.it)

pagoPA, invece, è il sistema nazionale per i pagamenti a favore della Pubblica Amministrazione, che si può utilizzare per i pagamenti effettuati da cittadini e imprese verso qualsiasi tipo di Ente pubblico. E’ stato creato per semplificare e aumentare la qualità e la quantità dei servizi di pagamento offerti dalle Pubbliche Amministrazioni (Comuni, Province, Regioni, scuole, università, ASL, INPS, Agenzia delle Entrate) e per poterli effettuare nella massima sicurezza.

L’app IO, infine, invece è una app per smartphone Android e Apple lanciata dal Ministero dell’Innovazione e disponibile da quest’anno; è scaricabile gratuitamente dagli app store Google Android e iOS. “Obiettivo è permettere di ricevere messaggi, avvisi, comunicazioni, da qualunque ente pubblico, tutto dentro un’unica app. Di ricevere gli aggiornamenti via mail, dentro la app, o grazie alle notifiche push del telefono. Di restare aggiornati sulle scadenze e di aggiungere un promemoria direttamente sul calendario personale. Di completare il pagamento di servizi o tributi.’ (www.agid.gov.it)

Inoltre questa stessa app è stata usata dal Governo questa estate per elargire il Bonus vacanze e in questi giorni per attivare il Cashbak, cioè il rimborso del 60% delle spesse fatte con carta presso i negozi fisici.

A fronte di tutte queste novità digitali italiane e anche europee, il contesto internazionale sta cambiando e sta modificando processi, metodi, strumenti lavorativi, sociali, personali per evolversi attraverso la modernizzazione e la digitalizzazione di prodotti e servizi e per muoversi verso nuovi e inaspettati scenari sempre più utili e vicini ai cittadini e al mondo produttivo e lavorativo europeo.

 

Categories
Learning by movingNewsTalking about_Italiano

Laureata in lettere moderne, con la passione per la cultura classica, i gialli e gli animali. Un paio di anni fa ha ‘adottato’ a distanza un meraviglioso bimbo etiope di 5 anni di nome Emmanuel, a cui pensa tutti i giorni e a cui augura una vita felice e serena. Vive a Potenza, dove passa le sue giornate con la sua famiglia in compagnia di Miss Marple, Jessica Fletcher e tanti cani e gatti.

No Comment

Leave a Reply

*

*


banner magazine

La guida definitiva per scrivere un progetto di successo

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine
banner magazine

RELATED BY