GOOGLE KEEP: 5 funzionalità di cui non puoi fare a meno nella tua didattica

Grazie alla didattica a distanza stiamo scoprendo molte app Google che ci vengono in aiuto  per semplificare e integrare il lavoro quotidiano. Non tutte le app della G Suite,...

Grazie alla didattica a distanza stiamo scoprendo molte app Google che ci vengono in aiuto  per semplificare e integrare il lavoro quotidiano. Non tutte le app della G Suite, però, sono conosciute o, per lo meno, non si conoscono tutte le funzioni e potenzialità.

Oggi parliamo di 5 funzionalità per cui non potrai più fare a meno di utilizzare Google Keep.  L’app, la cui caratteristica principale e distintiva è la possibilità di prendere appunti in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, ha molte altre opzioni che la rendono un valido strumento anche a livello didattico. Quali sono?

  1. Creare note di vario tipo, condivise e con promemoria

Google Keep si basa sulla creazione di note, di vario tipo: con immagini, registrazioni vocali, caselle di controllo o anche disegni. Questo permette di utilizzare l’app in diverse occasioni e per i più svariati motivi. Ma non solo: le note possono essere condivise con altri utenti, per cui si può prender nota di attività da svolgere anche con altri colleghi. E se alla nota si imposta un promemoria, Google Keep ricorda di fare quell’attività alla data e all’ora impostate.

  1. Digitalizzare testi cartacei

Scattando foto direttamente nell’app oppure aprendo immagini dai tuoi album, in cui è presente del testo, come nel caso di foto relative a libri di testo o giornali, è possibile selezionare l’opzione “Recupera testo immagine” e ritrovarsi l’intera trascrizione sotto l’immagine. Una funzionalità utilissima per digitalizzare porzioni di libri e testi cartacei, risparmiando il tempo che avresti utilizzato per trascrivere parola per parola. Inoltre hai la foto dell’originale e la sua trascrizione in un’unica nota.

  1. Creare e trascrivere note vocali

In Keep c’è la possibilità non solo di creare ma anche di trascrivere e, quindi, digitalizzare le registrazioni vocali. Immagina di leggere un brano e contemporaneamente averne il testo scritto o di esporre oralmente qualcosa che ti ritrovi anche per iscritto. Basta cliccare sull’icona del microfono, iniziare a parlare e quando ti fermi tutto è salvato nella nota. Questa funzione è presente solo nell’app mobile, ma la nota viene sincronizzata in automatico nel proprio account Google per cui la ritrovi anche sul pc. 

  1. Etichettare le note

Per tenere tutto in ordine, Keep ti permette di creare delle etichette da assegnare alle varie note. In questo modo puoi creare delle categorie di attività o suddividere le note per materia e riconoscerle a vista d’occhio assegnando a ogni etichetta un colore. 

  1. Integrazione con Documenti Google

Google Keep si integra perfettamente con Google Docs, per cui se scatti una foto, la puoi importare nel foglio di Documenti con pochi clic, corredata anche da dall’eventuale descrizione o didascalia scritta nella nota. Tutte le note presenti nell’app, inoltre, si possono copiare in Documenti Google, cliccando semplicemente su Altro > Copia in Documenti Google. In questo modo tutte le trascrizioni delle registrazioni vocali oppure i testi cartacei digitalizzati, ma anche i disegni o gli appunti creeranno un nuovo documento. 

Inoltre, come tutte le app Google, Keep salva il materiale nel tuo account, per cui tutto ciò che scrivi, registri o disegni all’interno dell’app lo ritrovi nei vari dispositivi, Pc, tablet, smartphone. Basta accedere con le tue credenziali Google e aprire Google Keep dal menù delle app.

Conoscevi queste funzionalità? Continua a seguirci per scoprire tutte le novità che Google sta mettendo in campo per rendere il lavoro scolastico più semplice e innovativo.

Categories
Docenti: Competenze e formazioneE-LearningNews_Italiano
Mariassunta Telesca

Laureata in Filologia Moderna, Giornalista pubblicista, da sempre appassionata di innovazioni digitali. “Come la tecnologia può aiutare, supportare e migliorare il nostro lavoro quotidiano?” Questa è la domanda che si pone costantemente e che è alla base del suo lavoro.

No Comment

Leave a Reply

*

*

RELATED BY