Europrogettazione: il caso studio del progetto PON Alternzanza Scuola-Lavoro “Costruirsi un futuro nella chimica”

La chimica fa parte della nostra vita: rappresenta un motore di progresso e di modernità. Partendo dalla conoscenza della materia, attraverso processi di trasformazione, il chimico giunge alla realizzazione...

La chimica fa parte della nostra vita: rappresenta un motore di progresso e di modernità. Partendo dalla conoscenza della materia, attraverso processi di trasformazione, il chimico giunge alla realizzazione di prodotti nuovi e di prodotti sempre più avanzati. Il grande fascino di questo mestiere risiede dunque nella continua tensione creativa: una porta aperta sul mondo della conoscenza e della ricerca. L’industria chimica si nutre di questa capacità innovativa: per questo è proiettata nel domani. Questo significa una consapevolezza: il suo futuro è legato ai giovani, in particolare chimici, che oggi si preparano a raccogliere le sfide che saldano indissolubilmente industria e scienza chimica. Allo stesso modo, il futuro dei giovani chimici è legato allo sviluppo dell’industria chimica. É quindi fondamentale che essi imparino a conoscerla, a identificare percorsi formativi che guardino alle imprese nelle quali potranno trovare un’opportunità non solo di lavoro, ma anche di crescita professionale.

Proprio perché i chimici sono i protagonisti dell’industria chimica è importante che sviluppino:

  • una mentalità aperta;
  • conoscenze in ambiti diversi;
  • una forte sensibilità alle esigenze industriali.

Per rispondere a queste esigenze, il progetto di Alternanza Scuola-Lavoro “Costruirsi un futuro nella chimica” ha previsto un percorso di 4 settimane svolto in Bulgaria presso aziende specializzate nel settore chimico, nell’ambito dell’Obiettivo Specifico 10.6 – Azione 10.6.6 e Obiettivo Specifico10.2 – Azione 10.2.5 del Programma Operativo Nazionale PON “Per la Scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” , finalizzato all’ ampliamento e al potenziamento dell’offerta curricolare, alla riduzione dei divari territoriali e alla promozione di esperienze innovative nelle scuole.

 

Progetto

Il percorso di mobilità all’estero ha consentito a 15 studenti e studentesse dell’Istituto Tecnico Agrario Statale “A. Trentin” di entrare in contatto con realtà aziendali straniere e svolgere attività di assistenza e collaborazione in diversi ambiti:

  • effettuare analisi di laboratorio;
  • assistere alla gestione e al controllo dei processi, alla gestione e alla manutenzione di impianti chimici, tecnologici e biotecnologici, partecipando alla risoluzione delle problematiche;
  • applicare i principi e gli strumenti in merito alla gestione della sicurezza degli ambienti di lavoro, al miglioramento della qualità dei prodotti, dei processi e dei servizi;
  • collaborare alla pianificazione, alla gestione e al controllo delle strumentazioni di laboratorio di analisi e allo sviluppo del processo e del prodotto;
  • verificare la corrispondenza del prodotto alle specifiche dichiarate, applicando le procedure e i protocolli dell’area di competenza;
  • partecipare responsabilmente al lavoro organizzato;
  • operare nelle varie fasi del processo analitico chimico e microbiologico, dal campionamento al referto;
  • leggere e interpretare disegni di impianti di produzione chimici e biotecnologici;
  • collaborare alla conduzione dei suddetti impianti anche con compiti di controllo, utilizzando le tecnologie opportune;
  • adeguare la propria preparazione al continuo evolversi delle conoscenze tecnico-scientifiche;
  • comprendere nella loro globalità i problemi della salvaguardia dell’ambiente e della tutela della salute per operare con responsabilità collaborando alla loro risoluzione.

 

Attività

Le attività di stage hanno previsto un approccio work-based learning per facilitare l’apprendimento secondo l’approccio learning by doing: un apprendimento attraverso il fare, attraverso le azioni.

L’attività di conoscenza, svolta direttamente in azienda, si è integrata con le attività di esperienza in situazione durante le quali hanno sperimentato un processo di apprendimento esperienziale quali l’osservazione, le rilevazioni sul campo dei processi organizzativi e produttivi, l’analisi delle informazioni e la riflessione sull’esperienza.

Il percorso di tirocinio ha consentito non solo lo sviluppo di competenze tecniche e trasversali indispensabili per crescita professionale e personale dei ragazzi, coerentemente con il loro profilo formativo, ma anche la possibilità di aumentare la flessibilità e la capacità di confrontarsi con realtà diverse per cultura e per lingua.

 

Risultati

L’esperienza di tirocinio all’estero ha contribuito alla definizione di una modalità di apprendimento continuo improntata alla costruzione della “conoscenza collettiva”: condivisione delle informazioni, confronto sull’esperienza di apprendimento, scambio di informazioni, problem solving.

Il progetto ha inoltre consentito il rafforzamento di sinergie tra la scuola e il mondo del lavoro, aumentando così le opportunità di confronto e scambio, per collaborare allo sviluppo di competenze richieste dal mondo del lavoro e dal territorio di riferimento.

Categories
NewsProjects & Certificates_Italiano

Laureata all’IUO in Scienze Politiche – Relazioni Internazionali, ha una grande passione per i viaggi, la conoscenza di nuove culture e “way of life”, lettura di romanzi, narrative, saggi. Ama stare con i suoi amici, con la sua famiglia e soprattutto con le sue splendide figlie. Nella sezione “Skills, Training and Projects” si occupa di progettazione europea e consigli per accrescere le competenze per una scuola competitiva e innovativa.

No Comment

Leave a Reply

*

*


banner magazine

La guida definitiva per scrivere un progetto di successo

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine
banner magazine

RELATED BY