Miti e leggende irlandesi: acchiappate il leprecano e sarete ricchi!

Le origini del mitico folletto irlandese

L’Irlanda è Dublino, la sua gente e le sue luci; è Cork, Galway e le altre fantastiche piccole città di grandi meraviglie e violini saltellanti e romantici; è Belfast e una serata passata a contare stelle che si illuminano come un battito cardiaco; e poi è una serata di pioggia passata ad ascoltare i meravigliosi racconti tradizionali, per secoli tramandati oralmente e poi messi per iscritto da monaci medievali.
Storie incredibili come la leggenda del guerriero Cúchulainn oppure la romantica e tragica storia d’amore tra Diarmuid & Grainne; e ancora la strega Mal che avrebbe dato il nome al piccolo centro di Milton Malbay e le inquietanti e affascinanti banshee (donna fatata, in gaelico)

Ma tra streghe, fate e cavalieri, il personaggio più celebre è senz’altro il leprechaun.
William Yeats, nel 1888 lo descriveva così: “È in qualche modo un elegantone, vestito di una giacca rossa con sette file di bottoni, sette bottoni per fila, e porta un cappello a tricorno, e nelle regioni del nord-est, si dice che sia solito girare come una trottola sulla punta del cappello quando ne trova uno della misura adatta”.

Assieme al cappello verde, la barba rossiccia e l’espressione accigliata (assieme a una pentola d’oro nascosta là dove ha origine l’arcobaleno) sono le sue caratteristiche principali.

 

Leprechaun  è la resa in inglese del termine irlandese leipreachán, leprecano in italiano. Ma se non vi sentite a vostro agio con questa strana parola, non volete rischiare figuracce con la pronuncia e, soprattutto, volete farvi comprendere anche da vostro zio, potete chiamarlo semplicemente “folletto”.
A differenza del suo collega cluricaun, che trascorre le sue giornate a bere e cantare, il leprecano non è dedito soltanto all’ozio ma si dedica a fabbricare e a sistemare scarpe.

Oltre a fare il ciabattino, custodisce con cura dei tesori sotto forma di monete d’oro che conserva in un pentolone situato alla fine dell’arcobaleno.
Se volete arricchirvi, dovete catturare il folletto verde e farvi dire dove si trova l’agognato malloppo. Tuttavia, non è facile catturarlo vista la sua forza e il suo carattere sospettoso.
Una presa di tabacco potrebbe facilitarvi il compito ma il leprecano, veloce nei movimenti e rapido di parola, cercherà di liberarsi regalandovi le monete che porta sempre nella sua borsa. Dietro questa generosità, in realtà si nasconde un trucco: le monete d’argento, infatti, ritorneranno subito nella suo borsellino mentre quelle d’oro si trasformeranno in cenere nelle vostre mani.

Questo mitico personaggio è venerato dagli irlandesi al punto che per lui molti lasciano un bicchiere di latte sul davanzale della finestra.
Inoltre, un suo ritratto fa bella mostra in quasi tutte le botteghe e i negozi d’Irlanda ed è proprio la sua maschera caratteristica ad aprire le sfilate del 17 marzo, giorno di San Patrizio.

 

Se volete leggere altre curiosità sull’Irlanda, cliccate qui

 

 

 

Categories
Learning by movingNews

Laureato in Lingue e Letterature Straniere, ha vissuto a Torino, Barcellona, Valencia e Londra.
Appassionato di musica, letteratura, ricordi e sguardi fragorosi, in “Do you know that” scrive di elenchi, curiosità, consigli e viaggi (veri e immaginati).

No Comment

Leave a Reply

*

*


banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine
banner magazine

RELATED BY