Interview time: 5 wh- questions e tanti ricordi!

Oggi vi racconterò una storia, quella di un viaggio durato tre mesi in Irlanda…come lo farò? Attraverso un’intervista! WHO? Emanuela: oggi una giovane universitaria di Chieri, ieri una borsista...

Oggi vi racconterò una storia, quella di un viaggio durato tre mesi in Irlanda…come lo farò? Attraverso un’intervista!

WHO?
Emanuela: oggi una giovane universitaria di Chieri, ieri una borsista del Progetto Talenti Neodiplomati ospitata a Cork da ETN lo scorso anno.

WHY?
Ho pensato a tutti gli studenti prossimi alla partenza e ne ho cercata una che desse vita e voce ad un’esperienza così unica e significativa!

WHERE?
Al telefono! Non ho mai avuto l’occasione di incontrare Emanuela di persona, ma parlarci a lungo ha fatto sì che immaginassi tutto di lei!

WHEN?
Due giorni fa, in ufficio.

WHAT?
Le ho chiesto di raccontarsi, in modo semplice e chiaro: step by step.

Cosa ci siamo dette? Leggete un po’ qui…

Mariana: “Ciao Emanuela, se dovessi definire la tua esperienza con ETN in tre parole, cosa ti viene in mente?

Emanuela: “Ciao Mariana! Tre parole sono riduttive, ma ci provo!…La prima parola che mi viene in mente è: CORAGGIO, una volta lì ho pensato spesso che per andare avanti dovevo assolutamente “buttarmi” senza pensare a nulla, quasi improvvisare! Sai, trovarsi lontano da casa è sì un’esperienza entusiasmante, ma al contempo può spaventare ed io spesso mi sono posta delle domande, ecco! (ride, ndr)

La seconda parola è: POSITIVITA’, credo ci voglia un pizzico di autoironia, anche perché non può sempre andare tutto come immaginiamo!

Mariana:” Certo, hai ragione, ma devo dire che il tuo approccio è stato esemplare! Però adesso sono curiosa, qual è la terza parola?”

Emanuela:“Più che una parola, è per me un’esortazione, ovvero: METTERSI ALLA PROVA. Io lontana da casa e molte volte sotto stress, ho capito che l’unico vero modo per esorcizzare i momenti NO, era reagire aprendomi alle novità: ad esempio, ripenso a tutte le relazioni che ho coltivato o a tutte le culture con le quali mi sono scontrata in questo percorso. Il lavoro poi, l’esperienza nell’organizzazione di raccolta fondi a Cork, beh, è stata molto bella per me!”

Mariana:”Tutte cose molto positive allora direi, ma mi sorgono spontanee due domande adesso:

  1. Cosa ti sei riportata in Italia?
  2. E’ un’esperienza che consiglieresti ai neodiplomati di oggi e del futuro?”

Emanuela:”In Italia mi sono riportata una Emanuela diversa: più dinamica, più consapevole e soprattutto dagli orizzonti più ampi! Per quanto riguarda invece i futuri borsisti, beh, dico che io lo rifarei altre mille volte ancora se ne avessi la possibilità, è un’esperienza che mi porto dietro sempre!

Mariana:”Grazie Emanuela, mi hai trasmesso vitalità e spensieratezza, è stata una buona idea parlarsi e ascoltarti!

Emanuela:”Grazie a te e all’opportunità di dar voce ai miei ricordi. Un abbraccio!”

 

Non so a voi, ma a me le parole di Emanuela rassicurano e infondono molta tranquillità…allora neodiplomati, are you ready?

 

Categories
News_Italiano
No Comment

Leave a Reply

*

*


banner magazine

La guida definitiva per scrivere un progetto di successo

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine
banner magazine

RELATED BY