Manchester, la cooperazione e l’Europa / Manchester, cooperation and Europe

Arriva il grande giorno. Lo aspetti da tempo. Il tuo idolo musicale si esibisce nella tua città. Tanti giovani inglesi e non, trepidavano per questo concerto. Ariana Grande si...

Arriva il grande giorno. Lo aspetti da tempo. Il tuo idolo musicale si esibisce nella tua città.

Tanti giovani inglesi e non, trepidavano per questo concerto. Ariana Grande si sarebbe esibita alla Manchester Arena.

Pensi sarebbe stato un gran giorno, pieno di gioia e spensieratezza e di ragazzi che cantano a squarciagola la loro felicità.

Arriva l’inizio del concerto e per migliaia di giovani il mondo si ferma in una istantanea di bellezza.

Ma a qualcuno questo non piace, a qualcuno che l’umanità viva serena non va giù e decide barbaramente di far esplodere il terrore. Decide di uccidere, di stroncare vite umane.

La grande festa alla Manchester Arena si trasforma in una tragedia: decine di morti e feriti e i numeri purtroppo sembrano destinati a salire.

Ci hanno colpito al cuore, hanno colpito il nostro futuro: i giovani.

Non si può più aspettare, è ora di invertire la tendenza: la violenza combattuta con la violenza sappiamo a cosa porta, il terrore si deve contrastare con l’unità e la solidarietà.

Noi abbiamo una casa comune, L’Europa. Questa è la nostra difesa e da qui che dobbiamo ripartire. Ogni giorno bisogna lavorare duramente e insieme perché questa casa sia sempre più forte e poggi su solide fondamenta.

Cooperare deve essere il nostro imperativo, cooperare con lo stesso entusiasmo e la stessa gioia di quei ragazzi di Manchester.

Un ultimo pensiero, il più sentito, va proprio a loro, ai loro cari e alle loro famiglie.


The big day has finally arrived. You’ve been waiting for it for a while. Your music idol will play in your hometown.

So many English young people (and not only English) were thrilled for this great gig. Ariana Grande will be playing at Manchester Arena.

You think it’s gonna be a fab day, full of joy and happiness, and of guys singing out their enthusiasm.

The concert begins and for thousands of young people the world stops in a snapshot of beauty.

But some people do not like this, someone doesn’t like humanity to live with serenity and thus decides to create fear and anguish. They decide to kill, to destroy human lives.

This great party at Manchester Arena turns into a tragedy: dozens of dead and injured and the numbers unfortunately are going to increase.

They hit us in the heart, they hit our future: the young.

We can no longer wait, it’s time to reverse this trend: we know the consequence of violence fought with violence; terror must be opposed with unity and solidarity.

We have a common home, Europe. This is our defense and from here we have to start again. Every day you have to work hard and together to make this house ever stronger and rely on a solid foundation.

Cooperating must be our imperative, cooperating with the same enthusiasm and joy as those Manchester guys.

One last thought, our heartfelt thought, goes to them, their loved ones and their families.

Categories
News_English_Italiano

No Comment

Leave a Reply

*

*


banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine
banner magazine

RELATED BY