I servizi per l’infanzia in Italia e in Europa: organizzazione, diritti, educazione

Il sistema educativo di istruzione e di formazione italiano è organizzato in base ai principi della sussidiarietà e dell’autonomia delle istituzioni scolastiche. Lo Stato ha competenza legislativa esclusiva per...

Il sistema educativo di istruzione e di formazione italiano è organizzato in base ai principi della sussidiarietà e dell’autonomia delle istituzioni scolastiche. Lo Stato ha competenza legislativa esclusiva per le “norme generali sull’istruzione” e per la determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale. [Sito web MI]

Così il Ministero dell’Istruzione (MI) illustra, in modo chiaro e esplicito, i valori a cui si ispira e su cui è fondato il nostro sistema di istruzione e educazione, in linea con i principi del suo ruolo e dei suoi compiti.

Ma nello specifico, il sistema educativo per l’infanzia (ossia dai 3 mesi ai 6 anni) è così suddiviso:

  • sistema integrato zero-sei anni, non obbligatorio, della durata di 6 anni, che consiste nell’erogazione di servizi educativi per l’infanzia gestiti da enti locali direttamente o tramite convenzioni, o da altri enti pubblici o privati, che accolgono i bambini tra i tre e i trentasei mesi;
  • scuola dell’infanzia, che può essere gestita dallo Stato, dagli enti locali direttamente o attraverso convenzioni, da altri enti pubblici o privati, che accoglie i bambini tra i tre e i sei anni.

Vediamo ora nel dettaglio cosa comprendono e come sono organizzati questi due sistemi di istruzione per l’infanzia.

Il sistema integrato di educazione per l’infanzia è così strutturato:

  1. Nidi e micronidi: accolgono le bambine e i bambini dai 3 ai 36 mesi e concorrono con le famiglie alla loro cura, educazione e socializzazione, benessere. Consentono l’affidamento quotidiano dei bambini a figure diverse da quelle parentali che abbiano specifiche competenze professionali. Rappresentano un’ esperienza ricca e stimolante per i bambini attraverso l’opportunità di stare in gruppo e di condividere giochi, scoperte, crescita emotiva, cognitiva e sociale.
  2. Servizi integrativi: vanno incontro ai bisogni delle famiglie in modo flessibile e si distinguono in: Spazi gioco per bambini dai 12 ai 36 mesi, che non prevedono mensa e consentono una frequenza flessibile per un massimo di 5 ore al giorno; Centri per bambini e famiglie che accolgono bambini dai primi mesi di vita insieme a un adulto accompagnatore e offrono esperienze di socializzazione, apprendimento e gioco insieme a eventuali momenti di incontro per gli adulti sui temi dell’educazione e della genitorialità; Servizi educativi svolti in contesto domiciliare che accolgono bambini dai 3 ai 36 mesi e concorrono con le famiglie alla loro educazione e cura.
  3. Sezioni primavera, che accolgono bambine e bambini tra 24 e 36 mesi. Solitamente sono aggregate alle scuole dell’infanzia o sono comprese nei poli per l’infanzia.

Le scuole dell’infanzia accolgono invece bambini dai 3 ai 6 anni. Promuovendo l’educazione e l’istruzione, lo sviluppo dell’identità, dell’autonomia e delle competenze, ne assicurano l’effettiva uguaglianza di opportunità in relazione agli orientamenti educativi dei genitori. Hanno una funzione strategica poiché operano in continuità con i servizi educativi per l’infanzia e con il primo ciclo d’istruzione.

Nel dicembre 2017 è stato emanato dal Governo italiano il Piano di azione nazionale pluriennale per la promozione del Sistema integrato di educazione e di istruzione, concernente l’istituzione del sistema integrato di  educazione e di  istruzione dalla nascita sino a sei anni, al fine sia di agevolare il raggiungimento degli obiettivi strategici del sistema integrato, sia di consolidarlo, ampliarlo, rafforzarlo. Questo Piano di azione infatti ha previsto e comprende diversi tipi di interventi/attività, fra cui: la ristrutturazione/riqualificazione edilizia, la formazione continua per personale educativo e docente, interventi di ampliamento/consolidamento delle reti dei servizi educativi per l’infanzia sia pubblici che privati, interventi di sostegno alla qualificazione del personale educativo e docente, di ampliamento e consolidamento della rete dei servizi per bambine e bambini nella fascia di età tra zero e sei anni, in particolare nei territori in cui sono carenti le scuole dell’infanzia.

Anche in tutta Europa è ormai da tempo riconosciuta la necessità di avere servizi dedicati alla prima infanzia e alle famiglie dei bambini stessi. L’Unione Europea, i governi degli Stati coinvolti, le Organizzazioni non Governative, i partner sociali, sono infatti in prima linea per favorire e promuovere un approccio europeo in favore dei servizi per la prima infanzia, per far sì che emergano e vengano rispettati sempre i diritti per l’infanzia, la tutela dei bambini, l’importanza dell’educazione e della formazione di tutti, a tutte le età.

Categories
Learning by movingTalking about_Italiano

Laureata in lettere moderne, con la passione per la cultura classica, i gialli e gli animali. Un paio di anni fa ha ‘adottato’ a distanza un meraviglioso bimbo etiope di 5 anni di nome Emmanuel, a cui pensa tutti i giorni e a cui augura una vita felice e serena. Vive a Potenza, dove passa le sue giornate con la sua famiglia in compagnia di Miss Marple, Jessica Fletcher e tanti cani e gatti.

No Comment

Leave a Reply

*

*


banner magazine

La guida definitiva per scrivere un progetto di successo

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine
banner magazine

RELATED BY