Maggiori risorse e 12 milioni di persone: tutte le novita dell’Erasmus+ 2021-2027

Focus sulle persone con minori opportunità, nuove misure e azioni per aumentare il numero di partecipanti e un budget triplicato rispetto alla programmazione precedente. Questi gli elementi chiave della...

Focus sulle persone con minori opportunità, nuove misure e azioni per aumentare il numero di partecipanti e un budget triplicato rispetto alla programmazione precedente.
Questi gli elementi chiave della proposta per il nuovo Programma Erasmus+ per il settennato 2021-2027, approvata dal Parlamento Europeo il 30 maggio 2018.

Il nuovo Programma sostituirà l’attuale Erasmus+ relativo agli anni 2014-2020, confermandone la natura a sostegno dell’apprendimento in tutti i contesti e in tutte le fasi della vita, ma ampliandone la portata con un significativo aumento delle risorse disponibili e l’ampliamento della platea dei beneficiari delle iniziative di mobilità finalizzate allo studio e all’apprendimento.

Infatti, considerato il successo dell’attuale Erasmus+ e i risultati positivi ottenuti dal settore dell’istruzione attraverso la realizzazione di corrette attività di Europrogettazione per la scuola, il prossimo Programma fornirà opportunità di apprendimento e mobilità a 12 milioni di persone, il triplo rispetto ai 4 milioni di persone dell’attuale Programma.

Rafforzato, esteso e più inclusivo, il Programma Erasmus 2021-2027 continuerà a rivolgersi alle scuole, all’istruzione e alla formazione professionale, all’istruzione superiore e all’apprendimento degli adulti – i Giovani e lo Sport, sostenendo attività di promozione della conoscenza e della consapevolezza dell’Unione Europea, nonché promuovendo attività di studio e di ricerca orientati al futuro grazie ad una maggiore centralità riservata a programmi nei settori delle energie rinnovabili, dei cambiamenti climatici, dell’ingegneria ambientale e dell’intelligenza artificiale.

Investendo nelle persone, nelle loro competenze e nelle loro conoscenze il Programma aiuterà a rispondere alle sfide globali, a mantenere l’equità sociale e guidare la competitività dell’Europa.

L’obiettivo generale del Programma è infatti sostenere lo sviluppo formativo, professionale e personale degli individui nel campo dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport, in Europa e nel resto del mondo, contribuendo in tal modo alla crescita sostenibile, all’occupazione e alla coesione sociale come pure al rafforzamento dell’identità europea. Per eliminare qualsiasi barriera economica e sociale e favorire la partecipazione al Programma di persone provenienti da contesti svantaggiati, la proposta prevede che la Commissione europea e le agenzie nazionali Erasmus elaborino un quadro europeo di inclusione e sviluppino strategie nazionali di inclusione, unitamente a misure per fornire un maggiore sostegno finanziario alla mobilità, adeguare le borse di studio mensili e rivedere periodicamente il costo della vita e di soggiorno.
Per fornire un supporto speciale alla persone con minori opportunità, la Proposta prevede inoltre corsi di lingua, sostegno burocratico e opportunità di formazione online.

In sintesi, tra gli obiettivi specifichi della Proposta si annoverano:

  • l’aumento del numero di beneficiari, grazie ad una dotazione finanziaria di 30 miliardi di euro;
  • il raggiungimento dipersone di ogni estrazione sociale, favorendo la partecipazione di soggetti provenienti da ambienti svantaggiati;
  • la costruzione direlazioni più forti con il resto del mondo;
  • la promozione diambiti di studio che guardano al futuro. Il Programma rafforzato darà più attenzione a studiare campi come le energie rinnovabili, i cambiamenti climatici, l’ambiente, l’ingegneria, l’intelligenza artificiale o il design;
  • la promozione della mobilità individuale ai fini dell’apprendimento come pure la cooperazione, l’inclusione, l’eccellenza, la creatività e l’innovazione al livello delle organizzazioni e delle politiche nel settore dell’istruzione e della formazione;
  • la promozione della mobilità per l’apprendimento non formale e la partecipazione dei giovani, così come la cooperazione, l’inclusione, l’eccellenza, la creatività e l’innovazione a livello di organizzazioni e di politiche nel settore della gioventù;
  • la promozione della mobilità per l’apprendimento degli allenatori sportivi e dello staff;
  • la costruzione dell’identità europea attraverso un’esperienza di viaggio: la nuova iniziativa “DiscoverEU” darà l’opportunità ai giovani di scoprire il patrimonio culturale europeo e la sua straordinaria diversità.

La finalità di potenziare la portata e l’ambito di Erasmus si accompagna all’obiettivo della Commissione di realizzare uno spazio europeo dell’istruzione entro il 2025, di cui Erasmus+ costituirà l’elemento chiave.

In particolare, il Programma sosterrà:

a) lo sviluppo scolastico e l’eccellenza nell’insegnamento;

b) il processo di Copenaghen in materia di istruzione e formazione professionale;

c) la nuova agenda dell’UE per l’istruzione superiore e il processo di Bologna;

d) la nuova agenda dell’UE per l’istruzione degli adulti;

e) la nuova strategia dell’UE per la gioventù;

f) il piano di lavoro dell’UE per lo sport.

Tali politiche continueranno ad avvalersi del sostegno dell’approccio integrato di apprendimento permanente del programma.

Il Programma mira altresì:

  1. contribuire all’attuazione della nuova agenda per le competenze per l’Europa nella prospettiva di sostenere l’occupazione, la crescita e la competitività;
  2. ad assistere gli Stati membri nel raggiungimento degli obiettivi della dichiarazione di Parigi, del 17 marzo 2015, sulla promozione della cittadinanza e dei valori comuni di libertà, tolleranza e non discriminazione attraverso l’istruzione;
  3. al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, in particolare l’obiettivo inteso alla promozione di un’istruzione di qualità, equa e inclusiva, e di opportunità di apprendimento permanente per tutti.

Tali obiettivi sono perseguiti attraverso tre azioni chiave:

  • Key Action 1: mobilità ai fini dell’apprendimento;
  • Key Action 2: cooperazione tra organizzazioni e istituti;
  • Key Action 3: sostegno allo sviluppo delle politiche e alla cooperazione.

Il nuovo Programma Erasmus+ pone di fronte nuove sfide per tutti coloro che operano nel settore della formazione e dell’istruzione; attraverso un’attenta europrogettazione per la scuola è possibile già da subito anticipare le tendenze della nuova programmazione.

Perché investire in Erasmus+ significa investire nel futuro dell’Unione europea.

Categories
Learning by movingNews_Italiano

Laureata all’IUO in Scienze Politiche – Relazioni Internazionali, ha una grande passione per i viaggi, la conoscenza di nuove culture e “way of life”, lettura di romanzi, narrative, saggi. Ama stare con i suoi amici, con la sua famiglia e soprattutto con le sue splendide figlie. Nella sezione “Skills, Training and Projects” si occupa di progettazione europea e consigli per accrescere le competenze per una scuola competitiva e innovativa.

No Comment

Leave a Reply

*

*


banner magazine

La guida definitiva per scrivere un progetto di successo

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine
banner magazine

RELATED BY