TELLING TALES – Una storia da raccontare

Se io ti chiedessi ‘raccontami una storia’ tu cosa mi diresti? Fin da bambini nasciamo con le storie e viviamo di storie, poiché da sempre l’uomo sente la necessità...

Se io ti chiedessi ‘raccontami una storia’ tu cosa mi diresti? Fin da bambini nasciamo con le storie e viviamo di storie, poiché da sempre l’uomo sente la necessità di esprimersi, raccontare e raccontarsi.
I racconti dei nostri nonni, le favole che ci raccontano i nostri genitori, i cartoni animati, ma anche le storie che ci si racconta fra compagni di scuola fanno parte della nostra vita da sempre e aiutano a formare la nostra identità.

Ascoltare una storia è come essere toccati nel cuore e nella mente, nel corpo e nell’anima…una persona ci racconta una storia e noi ascoltiamo, cosi la storia si anima e prende vita coinvolgendo più animi e imprimendo grazie alla sua forza e al suo potere un messaggio che resterà per sempre dentro di noi.

Ognuno di noi ha delle storie da raccontare: alcune da condividere con gli amici, altre invece che vorremmo far conoscere a tutti, alcune nate da nostre esperienze personali, altre invece frutto di incontri casuali o spunti nati all’improvviso…una strada nuova, un post su Facebook, un incontro inaspettato, un racconto di nostra nonna…

Ma a cosa servono le storie?

Le storie insegnano: sono come dei simulatori di vita che, ponendoci davanti a situazioni difficili (paure, problemi, avversità) ci insegnano a elaborare i comportamenti adatti a gestirle, rappresentando così una forma di apprendimento, di arricchimento……

Le storie ci guidano e ci orientano, sono come bussole per la vita…

Le storie aiutano a condividere sogni e passioni…

Le storie aiutano a spiegare i cambiamenti e i loro motivi…

Le storie aiutano a descrivere le alternative e a immaginare le conseguenze delle scelte…

Le storie sono potenti: ispirano, rassicurano, emozionano, motivano e…incantano.

Le storie creano connessione e immedesimazione, poiché attivano i nostri neuroni specchio, i neuroni dell’empatia e della straordinaria capacità insita in ognuno di noi di ‘sentire come l’altro’; quando osserviamo un’azione fatta da un altro la nostra corteccia motoria si attiva, quando osserviamo altri che esprimono determinate emozioni si attivano le stesse aree cerebrali che si attivano quando proviamo le stesse emozioni in prima persona, dimostrando quindi l’esistenza di un meccanismo specchio.

Dunque io ti capisco perché sei simile a me. Non deduco, ma sento. C’è un legame naturale e profondo tra gli esseri umani. Che le storie aiutano a riconoscere, coltivare, mantenere.

Ecco perché nasce questo spazio, per consentire a tutti voi di scovare e liberare nel mondo la vostra storia con tutta la sua forza e il suo potere, per crescere e migliorarsi con lei, per aiutare gli altri a orientarsi e a conoscere meglio se stessi e la vita.

E poi, tutti abbiamo una storia da raccontare e noi siamo qui per accogliere la tua storia e custodirla con cura in questo spazio libero dove essa potrà viaggiare, ispirare, insegnare e dove tante persone potranno trovarla e attraverso di lei crescere, imparare, emozionarsi. Perciò ora non ti resta che raccontarmi la tua storia, ma prima però chiediti: se non io, chi? Se non ora, quando?

Categories
NewsTelling Tales

Laureata in lettere moderne, con la passione per la cultura classica, i gialli e gli animali. Un paio di anni fa ha ‘adottato’ a distanza un meraviglioso bimbo etiope di 5 anni di nome Emmanuel, a cui pensa tutti i giorni e a cui augura una vita felice e serena. Vive a Potenza, dove passa le sue giornate con la sua famiglia in compagnia di Miss Marple, Jessica Fletcher e tanti cani e gatti.

No Comment

Leave a Reply

*

*


banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine
banner magazine

RELATED BY