Formazione docenti: educare alle emozioni con il Metodo RULER

Le nostre emozioni e la nostra intelligenza emotiva rappresentano una sfera molto delicata e importante dell’essere persona a tutte le età, dai bambini agli adulti… essere “educati” a saperle...

Le nostre emozioni e la nostra intelligenza emotiva rappresentano una sfera molto delicata e importante dell’essere persona a tutte le età, dai bambini agli adulti… essere “educati” a saperle apprendere, gestire, sviluppare e inserire nei diversi contesti e situazioni diventa quindi fondamentale per tutti. E se fosse proprio la scuola a ’educarci’ in tale direzione? A darci supporto nel processo di riconoscimento e gestione della nostra emotività? Già da tempo infatti si parla in ambito scolastico di educazione emotiva, che viene vista con il significato di capacità di decifrare i propri stati interiori, la rabbia, la gioia, la tristezza, e di saperli controllare, quindi come una abilità che si può imparare a riconoscere, sviluppare e gestire.

Infatti la capacità di gestire e riconoscere tutte le proprie emozioni riveste un ruolo molto importante per il benessere dell’individuo e risulta fondamentale per essere un buon studente ma anche un futuro cittadino responsabile e consapevole. Inoltre costituisce un elemento prioritario che agisce anche da fattore di prevenzione contro lo strutturarsi di problematiche comportamentali e psicologiche e di comportamenti a rischio, come per esempio fenomeni legati a aggressività e bullismo, abbandono scolastico, ansia e depressione, rischio di abuso di sostanze, ecc.

Imparare a decifrare e gestire le nostre emozioni, comunicare i propri stati d’animo e percepire quelli degli altri e quindi educare a questa abilità, significa anche recuperare quella sfera educativa emozionale tanto importante nell’apprendimento e nella formazione personale degli individui di qualunque età, soprattutto nel mondo di oggi, un mondo in continuo e veloce movimento e di fronte ai tanti elementi di disagio e cambiamento che una società così complessa ci mette davanti.

In questo scenario e davanti ai tanti problemi che la scuola di oggi si trova a affrontare e gestire si pone anche il tema dell’educazione emotiva: le difficoltà di apprendimento, i problemi relazionali con i compagni e gli insegnanti, le difficoltà di inserimento e adattamento all’ambiente scolastico spesso nascondono forme di disagio emotivo dello studente. Il clima emotivo in classe, che consiste in tutto ciò che è emozione, relazione, gestione dei conflitti, diventa quindi una competenza da apprendere che è fondamentale per la vita quotidiana e per l’apprendimento di tutti gli individui e del gruppo classe nell’insieme.

Ma come si può insegnare ad apprendere l’educazione emotiva? Uno dei metodi più diffusi e conosciuti in questo ambito è il Metodo chiamato RULER, che significa letteralmente “righello” ma che è in questo caso l’acronimo di Recognizing, Understanding, Labeling, Expressing, and Regulating Emotion, ossia riconoscere, comprendere, definire, esprimere e gestire le emozioni.

Questo metodo rappresenta il frutto del lavoro di oltre 20 anni di ricerche e studi di un team di ricercatori americani dello Yale Center of Emotional Intelligence; esso propone una serie di strumenti e attività (fra cui strumenti ludici e tecniche di comunicazione specifiche) che hanno lo scopo di migliorare il clima di classe creando equilibrio, favorire la sicurezza psico-fisica a scuola, favorire un clima positivo in classe attraverso la qualità delle relazioni interpersonali, favorire empatia, fiducia e partecipazione fra le persone.

R
 

RECOGNIZING

Riconoscere le emozioni in sè stessi e negli altri
U
UNDERSTANDING Comprendere le cause e le competenze delle emozioni
L
LABELING Etichettare e definire le emozioni con precisione
E
EXPRESSING Esprimere le emozioni nei vari contesti in maniera appropriata
R
REGULATING Gestire le emozioni in modo efficace per costruire relazioni sane

[Brackett et al. 2012]

 

Questo metodo è stato applicato con successo in centinaia di scuole americane e in altri Paesi in Europa, tra cui Italia, Spagna, Australia ed Inghilterra. In particolare in Italia è stato applicato e adattato per la prima volta nell’anno scolastico 2014/2015 presso due Istituti Comprensivi di Firenze : l’integrazione del metodo RULER nel curriculum scolastico rappresenta un concreto contributo per il miglioramento del benessere individuale e collettivo, per il raggiungimento degli obiettivi scolastici e personali e di risultati scolastici positivi.

L’educazione emotiva è infatti fondamentale per tutti, perché la sfera emotiva regola e determina l’intera esistenza di un individuo e delle sue relazioni interpersonali; costituisce l’elemento cardine che ci accompagna a capire cosa proviamo e come possiamo esprimere i diversi stati d’animo, emozioni e sentimenti, anche quando ci sembrano più complicati.

L’attenzione alla dimensione emotiva è quindi una delle sfide che la scuola del nuovo millennio deve affrontare: imparare a conoscere e comprendere il proprio spazio interiore consentirà di valorizzare tutti i vissuti e tutte le diversità, affinché tutti siano aiutati ad essere autonomi, consapevoli e liberi di poter esprimere pienamente se stessi, le proprie emozioni e i propri stati d’animo, anche quelli più complessi e profondi.

 

Un sentimento zitto

sta lì. Certo che esiste.

Puoi essere contento

oppure molto triste

ma se non lo sai dire

a chi ti vive accanto

quel sentimento vive

per te. Per te soltanto.

Perciò, non fare il duro

racconta quel che senti.

Ci sono le parole

Per tutti i sentimenti.

[Zitto, tratto da L’alfabeto dei sentimenti – J. Carioli]

Categories
News_Italiano

Laureata in lettere moderne, con la passione per la cultura classica, i gialli e gli animali. Un paio di anni fa ha ‘adottato’ a distanza un meraviglioso bimbo etiope di 5 anni di nome Emmanuel, a cui pensa tutti i giorni e a cui augura una vita felice e serena. Vive a Potenza, dove passa le sue giornate con la sua famiglia in compagnia di Miss Marple, Jessica Fletcher e tanti cani e gatti.

No Comment

Leave a Reply

*

*


banner magazine

La guida definitiva per scrivere un progetto di successo

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine
banner magazine

RELATED BY