Experience Pro: Eros e Thanatos nella fotografia di Mira Nedyalkova

“Pensi di avere un limite, così provi a toccare questo limite. Accade qualcosa. E immediatamente riesci a correre un po’ più forte, grazie al potere della tua mente, alla...

“Pensi di avere un limite, così provi a toccare questo limite. Accade qualcosa. E immediatamente riesci a correre un po’ più forte, grazie al potere della tua mente, alla tua determinazione, al tuo istinto e grazie all’esperienza. Puoi volare molto più in alto.” (Ayrton Senna).

Durante giorni dell’ETN Annual Meeting 2018 abbiamo vissuto delle esperienze uniche e indimenticabili, tra queste abbiamo avuto un assaggio degli Experience Pro realizzati da ETN, delle esperienze totalizzanti, in grado di lasciare il segno nell’animo di chi le vive e tocca con mano.
È il caso dell’Experience Pro sulla fotografia realizzato da Mira Nedyalkova, un’artista bulgara unica nel suo genere che, con la sua personalità eclettica, trasmette tutta la sua passione per l’arte, in grado di rapire fin dal primo sguardo.
La sua è una fotografia ricca di pathos, che si diffonde nella leggerezza dell’acqua, nella leggerezza di corpi sinuosi e chiome ondeggianti, una fotografia in cui Eros e Thanatos si incontrano e si fondono, una fotografia che non può non emozionare.
Non si tratta quindi del classico corso, fatto di tecnicismi, prospettive ed obiettivi, ma di una fotografia emotiva, introspettiva.
“L’arte proviene dal cuore” – queste le parole di Mira – “non è la tecnica il nostro obiettivo, ma tirar fuori le nostre emozioni, guardarci dentro”. E abbiamo potuto subito testare la veridicità delle sue parole. Infatti, come spesso accade, si creano delle connessioni inspiegabili tra l’artista e la sua opera d’arte, proprio come nel caso di Mira ed Emily Puika Chung, la musa orientale dai capelli fatati che ha rapito all’istante l’obiettivo. Una scintilla ha preso vita tra l’artista e la sua musa, una sorta di sindrome di Stendhal, un turbinio di emozioni, capogiri e battiti accelerati.
È così che l’Experience Pro ha avuto inizio e gli scatti hanno improvvisamente iniziato a risuonare in una cornice del tutto insolita, una sala meeting gremita di persone intente al proprio lavoro, ben lungi quindi da un tipico set fotografico.


Ma intanto l’arte faceva il suo corso, indisturbata, incurante di tutto il resto.
Ciò dimostra quanto inarrestabile sia il flusso delle emozioni, come l’arte sia ovunque, non abbia barriere, non segua convenzioni, come possa nascere da un luccichio negli occhi e trasformarsi in un’esperienza indimenticabile, in un incredibile Experience Pro, che ha lasciato tutti a bocca aperta.
Non è importante quindi trovare la location perfetta: l’arte è ovunque si trovi un cuore pronto ad accoglierla e a farla esplodere. È proprio quello che è accaduto a Mira ed Emily, due anime appartenenti a mondi e culture diverse, che hanno ritrovato la propria gemella ed hanno espresso così la loro vera essenza.
È esattamente questo l’obiettivo dell’Experience Pro, aiutare a tirar fuori la parte migliore di noi stessi, a risvegliare il nostro potenziale, a mostrarci la direzione giusta per il futuro.
Al termine di questa esperienza, Mira ed Emily porteranno con sé un forziere carico di emozioni, conoscenze, sensazioni e un legame suggellato dall’anima della fotografia, che nessuno mai potrà cancellare.

Categories
Experience Pro - Discover yourselfNews_Italiano

Laureata in Filologia classica presso l’Università Federico II di Napoli, ha una grande passione per l’arte, la musica e i viaggi. Animata da insaziabile curiosità, sostiene l’importanza della cultura e del “never stop training”. Con lo stesso spirito si occupa di e-learning presso ETN.

No Comment

Leave a Reply

*

*

RELATED BY