Riattivata la Carta del Docente: consigli e informazioni per l’utilizzo

Riattivata la carta del Docente! Il 12 Settembre 2018 ha assunto una particolare importanza per ogni docente italiano, infatti è tornato disponibile il bonus di 500 euro. Questa è...

Riattivata la carta del Docente! Il 12 Settembre 2018 ha assunto una particolare importanza per ogni docente italiano, infatti è tornato disponibile il bonus di 500 euro.

Questa è una grande notizia e come tale porta con se tantissime domande e dubbi a cui cercheremo di rispondere insieme a voi.

Partiamo!

 

Quali sono le novità del 2018/2019?

La prima grande novità è che con il bonus insegnanti sarà possibile acquistare gli strumenti musicali presso negozi a tema e librerie.
Inoltre per non perdere la possibilità di usufruire della carta, sarà necessario spendere i 500 euro in due anni poiché le quote degli anni precedenti non sono cumulabili all’infinito.
Però niente paura: altra importante novità è che sarà consentito usufruire di eventuali disponibilità relative al bonus 2016/2017 entro il 31 dicembre 2018. Ma cosa molto importante, e da tenere in mente, è che queste eventuali disponibilità della Carta del Docente 2016/2017 sono spendibili solo in aggiornamento e formazione.

 

Per cosa si può spendere?

La Carta del Docente offre diverse possibilità di spesa. La prima cosa da fare per rispondere a questa domanda è andare sul sito ufficiale www.cartadeldocente.istruzione.it, qui troverete tutti gli enti e gli esercenti accreditati presso i quali sarà possibile spendere il bonus.

Andando poi ancora di più nello specifico, vediamo ora nel dettaglio cosa si può acquistare:

– libri, pubblicazioni e riviste, anche in formato digitale. L’importante è che il tema dei libri non deve essere necessariamente attinente alla disciplina insegnata. Perché questo? Perché il MIUR riconosce la formazione del docente sia sulle proprie competenze che su quelle trasversali.

– hardware e software utili per la formazione. Ad esempio si possono acquistare PC, computer portatili, palmari e tablet ma anche software che riguardano specifiche esigenze formative. In questo ultimo caso parliamo di software che contengono enciclopedie e vocabolari elettronici, software per lo sviluppo di modelli matematici o di disegni tecnici e software per la videoscrittura.

– corsi per le attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali. Però la cosa importante è che con la Carta del Docente sono acquistabili solo corsi che rispondono a precise caratteristiche e nello specifico:

1. corsi organizzati da enti accreditati presso il Ministero dell’Istruzione o dalle Università;
2. corsi di laurea, magistrale, specialistica o corsi post lauream o master universitari inerenti con il proprio profilo professionale;
3. corsi online organizzati da Università, consorzi universitari o interuniversitari;
4. corsi di lingua, ma solo se organizzati dai soggetti qualificati per la formazione nella scuola. Tra questi il MIUR segnala gli “Enti culturali rappresentanti i Paesi membri dell’Unione Europea” ma solamente per le lingue incluse nei programmi scolastici italiani.

– biglietti per rappresentazioni teatrali e cinematografiche, ingressi a musei, spettacoli dal vivo, mostre ed eventi culturali. Anche in questo caso, come per i libri, non è necessario che questi eventi siano attinenti alla propria figura professionale, poiché la formazione del docente può riguardare anche competenze trasversali.

 

Come funziona?

Utilizzare e acquistare con La Carta del Docente è davvero facile ed immediato. Vediamolo nei suoi semplici passaggi:
1. vai sul sito ufficiale www.cartadeldocente.istruzione.it
2. accedi al sito con il tuo SPID
3. vai alla pagina “crea buono” presente nel menù
4. nella schermata che appare scegli tra “esercizio/ente” fisico o online
5. scegli il bene o servizio che vuoi acquistare
6. inserisci l’importo del bonus insegnanti corrispondente al costo del bene o servizio scelto
7. viene generato un buono del valore selezionato
8. il buono creato è accompagnato da un codice identificativo (QR code, codice a barre e codice alfanumerico)
9. salva sul tuo dispositivo o stampa il tuo codice identificativo
10. recati dall’esercente fisico o vai sul portale online dove desideri acquistare il bene o il servizio
11. se esercente fisico presenta il codice identificativo (salvato su dispositivo o stampato) al momento dell’acquisto
12. se negozio online inserire dove indicato il codice identificativo
13. Ben fatto! Hai acquistato con la Carta del Docente

Requisiti?

I requisiti per poter usufruire della Carta del Docente sono davvero pochi, solamente 2:
1. essere un docente di ruolo
2. possedere SPID, la propria identità digitale

 

Cos’è SPID? E come si richiede?

Abbiamo detto che per poter utilizzare il bonus insegnati bisogna avere una identità digitale, SPID. Anche in questo caso ottenerla è davvero semplice.
Innanzitutto SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) è la tua identità digitale, composta dalle credenziali (nome utente e password). E’ questa che ti dovrai utilizzare ogni volta che vorrai accedere alla tua Carta del Docente.
Ora vediamo come si richiede:
1. essere in possesso di un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente, permesso di soggiorno), la tessera sanitaria con il codice fiscale, un indirizzo mail, un numero di cellulare
2. rivolgersi ad uno degli Identity Provider: Aruba Infocert, Poste Italiane, Register, Sielte e Tim
e scegliere l’Identity Provider più adatto alle proprie esigenze
La richiesta di SPID è gratuita anche se alcuni Identity Provider offrono anche modalità di registrazione a pagamento.
In ogni caso ulteriori informazioni si posso trovare sul sito preposto: www.spid.gov.it

 

In cosa conviene spendere il bonus insegnanti?

La Carta del Docente è una magnifica iniziativa promossa dal MIUR, ormai alla sua seconda edizione. Ma ancora di più è un’occasione altrettanto importante e una grossa possibilità per ogni docente.
Come abbiamo visto prima, esistono diversissimi modi in cui spendere il bonus insegnanti e sicuramente sono tutti utili ed interessanti. Ma in questo caso è importante sottolineare che la professione in questione, quella del docente, è una professione in continua evoluzione e soprattutto che richiede un costante e profondo aggiornamento.
Gli insegnanti sono quelli che hanno la responsabilità di formare i ragazzi, quelli che saranno la futura classe dirigente e quelli che porteranno avanti il mondo che noi oggi abitiamo. Questo richiede ai docenti un impegno forte nel tenersi al passo con i tempi ma soprattutto al passo con il linguaggio e il modus operandi dei giovani di oggi.
Tutto ciò si traduce non solo in apprendimento e approfondimento ma soprattutto in didattica e conoscenza del tessuto socio-pedagogico.
In virtù di ciò molti insegnati sono sicuramente interessanti ad acquistare strumenti come pc e tablet, ma allo stesso tempo la maggior parte avrà ben chiaro che il modo migliore di usufruire della Carta del Docente sarà nel migliorare se stessi, affinare le proprie competenze e sviluppare al meglio la propria didattica.

La maggior parte degli insegnati sarà pienamente convinto di investire in formazione e aggiornamento perché pienamente conscio del fatto che la tecnologia è sicuramente importante ma non serve a molto se non la si riesce ad utilizzare al meglio, se non la si usa in maniera pedagogica ed educativa, e se non la si fa fruttare per l’insegnamento e la formazione delle nuove generazioni.

Categories
Talking about_Italiano

No Comment

Leave a Reply

*

*


banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine

banner magazine
banner magazine

RELATED BY